Kamasutra la chiave del piacere.

Il kamasutra è un antico testo indiano sul comportamento sessuale umano, ampiamente considerato come l’opera più importante nella letteratura sanscrita sull’amore. Il libro è stato scritto da Vatsyayana..

Nella cultura classica hindu, l’essere umano ha il preciso obiettivo di perseguire una armonica realizzazione di sé, senza trascurare alcun aspetto della vita terrena. È quindi prescritto che ricerchi quattro obiettivi:

  • 1. Artha: il Benessere, sia fisico che economico;
  • 2. Kama; il Desiderio, il piacere e la sua fruizione;
  • 3. Dharma: il senso etico che ricerca un equilibrio tra artha e kama;
  • 4. Moksha: la liberazione dal mondo materiale e il raggiungimento della vera coscienza di sé.

Il Kamasutra è formato da 36 capitoli, organizzati in sette libri e 64 parti.

Il Kamasutra è anche illustrato. Vatsyayana credeva che ci fossero otto modi di fare l’amore, moltiplicati per otto posizioni per ognuno. Nel libro queste sono note come le 64 Arti. Il capitolo che elenca le posizioni è il più famoso e per questo è spesso scambiato per l’intera opera.
Tuttavia, solo circa il 20 per cento del libro è dedicato alle posizioni sessuali. È una guida al raggiungimento del piacere sessuale.

3) Esposizione delle arti.
Sull’acquisizione delle conoscenze adeguate.

4) Lo stile di vita dell’uomo di mondo.
Sui comportamenti più consoni al cittadino ben educato.
Cap. 5: Le ragioni per sedurre la moglie altrui;

5) I compiti degli aiutanti e dei messaggeri maschi dell’uomo.
Riflessioni riguardanti gli intermediari che assistono l’amante nelle sue imprese.

Libro secondo. Sull’unione sessuale

Costituito da 10 capitoli suddivisi in 17 parti – tratta una discussione approfondita sul bacio, sui vari tipi di preliminari, sull’orgasmo, il sesso orale, la parafilia e i tabù, il ménage à trois ed in più una lista delle 64 posizioni sessuali.

6) Le tipologie sessuali in base alle dimensioni, alla resistenza e al temperamento.

A seconda delle dimensioni del suo pene l’uomo può esser chiamato coniglio-piccolo, toro-medio o stallone-lungo; mentre la donna a seconda dell’ampiezza della propria vagina è detta cerva-stretta, giumenta-normale o elefantessa-larga. A partire da tal suddivisione vi possono essere tre tipi di accoppiamento tra partner simili e sei tipi tra partner dissimili. In ogni caso è sempre meglio che l’uomo abbia dimensioni maggiori rispetto a quelle della donna, perché così la donna può raggiungere il piacere sessuale nella maniera più soddisfacente.

I partner possono avere un’energia sessuale fiacca, media o impetuosa; ed anche in base ai temperamenti esistono nove tipi di accoppiamento. Quando l’entusiasmo è minimo ed il vigore scarso, non sopportano di essere morsi, graffiati o schiaffeggiati; quando invece l’entusiasmo è assai grande sopportano con gioia anche d’esser percossi con violenza.

Infine, rispetto alla durata dell’atto, l’uomo si può suddividere in rapido, medio e resistente. Il piacere si sviluppa mentre l’uomo si muove senza sosta e a velocità sempre più sostenuta dentro la donna; il piacere femminile e quello maschile si differenziano in quanto i loro rispettivi sessi non si assomigliano né in aspetto né nei tempi. Tale radicale diversità è dimostrata dal fatto che quando l’uomo raggiunge il piacere si ferma automaticamente non badando più in alcun modo alla donna; una donna invece non fa così.

Poiché una donna non si ferma di propria spontanea volontà accade che, dopo che l’uomo ha ottenuto ciò per cui s’era dato impegno e cessa dunque di muoversi, se la donna è ancora in piena eccitazione ella vuole un altro uomo. Le donne amano l’uomo la cui energia sessuale dura a lungo; esse raggiungono il piacere con l’uomo resistente, non con quello rapido nei confronti del quale provano risentimento.

Una donna giovane raggiunge il piacere in continuazione, sin dall’inizio dell’incontro amoroso con la penetrazione sessuale; l’uomo invece solo alla fine. I loro tempi sono diversi e come estranei l’uno all’altro. La forza del desiderio femminile è inoltre otto volte maggiore di quella maschile, pertanto a loro piace prolungare l’attività sessuale: per questo si dice anche che per soddisfare una “donna dai begli occhi” occorrono almeno otto uomini, ed il desiderio di smettere sorge in lei solo quando è completamente esausta. In principio l’energia femminile è fiacca e il piacere che prova delicato, ma gradualmente ne deriva una pienezza d’energia ed un massimo del piacere.

Uomini e donne son stati creati diversi: l’uno è convesso, l’altra concava; l’uno è inghiottito, l’altra inghiotte; uno è agente attivo, l’altra luogo passivo. Da ciò v’è anche differenza nell’eccitazione erotica, all’uno piace pensare “la sto possedendo”, all’altra “sono posseduta da lui”. La donna dipende dall’azione dell’uomo per realizzare il proprio fine, ma i loro piaceri sono separati perché i loro tempi e nature sono diverse (benché appartengano alla stessa specie).

La situazione ottimale si ha quando uomo e donna raggiungono il piacere contemporaneamente: questo è un accoppiamento paritario. Quando invece l’accoppiamento è disuguale, la donna andrebbe trattata con baci, abbracci e così via, di modo che possa raggiunger per prima il piacere. Il Kamasutra è inoltre diventato oggetto molto utilizzato nei video porno. Le modelle cercano sempre di seguire le posizioni indicate e ci sono anche categorie apposite. xxxpornoitaliano.com ha una categoria specifica che vi invitiamo a visitare.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.